Home Black Camera Events

Lavoro e gender gap al centro della nuova Biennale della Fotografia Femminile

Mantova, a marzo, ospiterà una nuova rassegna che racconta l’arte, il lavoro e la condizione della donna

A Woman's Work © Eliza Bennet

Nonostante a livello globale si stiano facendo grandi passi avanti in merito alla parità di genere e alla lotta contro la discriminazione della donna, siamo ancora molto lontani dall’eliminazione delle disuguaglianze. Le differenze di genere sono molto evidenti: le donne, nonostante ottengano risultati migliori a livello scolastico, vengono poi pagate mediamente il 23% in meno degli uomini sul posto di lavoro.

Per cambiare mentalità non servono leggi, deterrenti o quote rosa: serve un cambiamento a livello culturale. Cambiare rotta non è semplice, in un mondo in cui la storia è raccontata principalmente dal punto di vista maschile; raccontare attraverso gli occhi di una donna sembra ancora un’utopia. Qualcosa si inizia a muovere: nascono e crescono alcune iniziative come la Biennale della Fotografia Femminile, evento che ha come obiettivo la sensibilizzazione su tematiche di parità di genere, uguaglianza e libertà d’espressione attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea.

© Giulia Bianchi

Il tema scelto per questa prima edizione della Biennale, unica nel mondo, è il lavoro, attività che interessa tutti da vicino e argomento scottante per quanto riguarda il gap uomo-donna. Tra i vari ambiti lavorativi, anche la fotografia è dominata dagli uomini e per le donne è ancora molto complesso emergere e avere riconoscimenti professionali.

Transylvania © Rena Effendi

Il lavoro di una fotografa donna è molto spesso stereotipato o messo in ombra e la Biennale della Fotografia Femminile è nata proprio per sensibilizzare il più possibile riguardo la parità, l’uguaglianze e la libertà di espressione: una donna può raggiungere gli stessi identici traguardi di un uomo.

In programma dal 5 all’8 marzo 2020, la Biennale porterà a Mantova grandi mostre fotografiche italiane e internazionali, workshop, talk, letture portfolio e tanti altri eventi. Le fotografe che parteciperanno alla prima edizione sono Rena Effendi, Sandra Hoyn, Annalisa Natali Murri, Claudia Corrent, Dato Sulakauri, Nausicaa Giulia Bianchi, Eliza Bennet, Erika Larsen, Betty Colombo e la curatrice Aldeide Delgado. 

Arctic Melt © Erika Larsen

Ad arricchire il programma ci sarà anche una mostra nata in collaborazione con la fotografa Donata Pizzi, che presenterà parte della sua collezione privata composta da progetti di fotografe italiane dal 1965 a oggi. La Biennale di Fotografia Femminile di Mantova verrà presentata in conferenza stampa il 16 gennaio a Mantova e il 4 febbraio a Milano alla Triennale.

Info:

WEB

info@bffmantova.com

Instagram

Leggi anche