Prince a Washington DC nel giugno 2015

Foto: Karrah Kobus/NPG Records via Getty Images

Home Musica Live

Ecco come Dave Grohl, Beck e Chris Martin hanno celebrato Prince

Una grande famiglia musicale si è data appuntamento a Los Angeles per suonare le canzoni dell’artista di Minneapolis, rifare le sue mosse di danza, cercare di cantare come lui. C’erano anche Sheila E e i Revolution

Quattro anni dopo la morte di Prince, fan e musicisti stanno ancora cercando modi per celebrarlo degnamente. Grandi chitarristi ed ex collaboratori si sono dati appuntamento martedì 28 gennaio sul palco del Los Angeles Convention Center per l’evento Let’s Go Crazy: The Grammy Salute to Prince. C’erano H.E.R., Chris Martin, Foo Fighters, Earth Wind & Fire e John Legend.

È stato un concerto di grandi schitarrate. Gary Clark Jr. e St. Vincent hanno riprodotto le parti e il groove che hanno reso celebre Prince e l’assolo di Purple Rain suonato da Wendy Melvoin dei Revolution ha messo i brividi. Ma Prince è stato anche altro e perciò si sono ascoltati voci in falsetto e si sono viste mosse di danza spettacolari sotto luci color porpora e arancio.

In passato, la serie di concerti Grammy Salutes ha reso omaggio a grandi come Beatles, Elton John e Stevie Wonder. La direttrice musicale della serata Sheila E, già percussionista di Prince, ha mostrato di sapere cantare e ballare alla grande, oltre ad essere ovviamente una fantastica batterista (il suo gruppo ha accompagnato tutte le esibizioni). Lo show verrà trasmesso in aprile, in prossimità del quarto anniversario della morte di Prince.

I fan hanno avuto un assaggio del tributo durante la serata dei Grammy di domenica, quando Usher ha proposto un medley di Little Red Corvette, When Doves Cry e Kiss con FKA twigs impegnata come ballerina (twigs ha scritto in un tweet che non le è stato proposto di cantare e che l’avrebbe fatto volentieri, mentre Sheila E ha riferito a USA Today che l’artista inglese avrebbe detto di no alla sua proposta di cantare qualcosa).

Maya Rudolph ha presentato la serata al Convention Center e si è esibita come metà del duo Princess, cover band di Prince fondata con Gretchen Lieberum. “Quando si trattava di esibirsi, Prince non aveva rivali”, ha detto all’inizio dello show. “Prince è la musica. Amare Prince significa amare la musica”.

Gary Clark Jr. e H.E.R. hanno suonato gli assoli roventi di Let’s Go Crazy, mentre John Legend ha interpretato Nothing Compares 2 U indossando un completo blu senza camicia. Dave Grohl ha cantato a squarciagola Darling Nikki e prima dello show ha spiegato che suonare con Prince Whole Lotta Love in un’arena vuota anni fa è stata una delle cose migliori che gli siano capitate.

Chris Martin ha accompagnato al piano Susanna Hoffs delle Bangles duettando su Manic Monday, mentre Beck ha rifatto Raspberry Beret con una Gibson Dove bianca che sul suo completo marrone aveva un che di rinascimentale. Alle sue spalle scorrevano le immagini del video della canzone, con un’inquadratura finale del cielo. C’erano anche Miguel, Common, Juanes e Mavis Staples. Quest’ultima, che in passato ha pubblicato due album per l’etichetta di Prince, la Paisley Park, ha cantato in modo commovente Purple Rain con i Revolution.

La scenografia era ispirata al mondo di Prince, il palco era decorato di viola e molte canzoni sono state eseguite di fronte allo skyline di Minneapolis ricreato digitalmente. Sulle pareti del Convention Center erano proiettate delle stelle. Quando le luci si sono spente, il pubblico si è trovato proiettato nello spazio.

È stato in parte un concerto e un parte uno show televisivo, e perciò il flusso della musica è stato interrotto più volte spezzando il ritmo. Ma ha funzionato e i collaboratori di Prince hanno avuto finalmente modo di celebrare un grande artista. Nel finale, una Sheila E emozionata ha fatto notare che era la prima volta, da tanti anni, in cui i Revolution suonavano assieme. “Siamo una famiglia”.